Esiste la Chimera?

Apprendiamo con finto sgomento della riuscita di un esperimento in cui gli scienziati dell’università della California hanno ibridato un embrione con cellule umane e cellule di pecora.
Ora i più penseranno che qualcuno ha letto troppi romanzi di fantascienza o meglio ancora antichi poemi epici in cui il mostro mitologico Chimera tormentava il re di Licia Iobate e veniva infine sconfitto da Bellerofonte e Pegaso.

Ma tutto questo è incredibilmente realtà.
E questa realtà dovrebbe risaltare agli occhi e alle orecchie dei cristiani cattolici i quali, convinti che il Dio YHWH sia l’unico e solo creatore di tutto, rigettano anche solo di ascoltare questa storia, autoconvincendosi che si tratta di una bufala.
Al contrario sembra che sia pratica già diffusa sul nostro pianeta, ibridare specie viventi, ma spesso queste notizie circolano solo in ambienti più ristretti e prettamente scientifici.

Nel caso che ci riguarda sembra che le intenzioni siano nobili, cioè realizzare un ibrido umano in modo da poter estrarre, quasi fosse materia non vivente, gli organi da poter trapiantare sugli umani ed avere a disposizione perennemente e a richiesta una quantità illimitata di pezzi di ricambio.

Apprendiamo anche che la legge in usa attualmente vieta di protrarre l’esperimento oltre le 4 settimane, credo per una questione finta-etica forse perché i cardinali americani si preoccupano più di vedere un umanoide con la pelle di pecora che sapere dei loro compari che si trastullano con i bambini (Per maggiori informazioni rimando alla pagina di wikipedia) .
Adesso mi chiedo, cosa siamo in grado di realizzare?
In quale direzione l’umanità si muove, a prescindere dai dogmatismi ecclesiastici ?
Siamo coscienti che una volta diventati creatori abbiamo delle responsabilità come padri ?
E non mi riferisco solo alle creazioni materiali, ma anche alle Intelligenze Artificiali di cui tanto si parla e che presto cercheremo di approfondire anche noi.
La Chimera di certo esiste, c’è da capire se riusciamo a governarla.
AL

About AL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *